Mise à jour "Nouveau règlement sur les drones à partir du 1er janvier 2021

Il regolamento delegato (UE) 2019/945 è in vigore nell'UE (esclusa la Svizzera) dall'estate 2019. Il Regolamento di esecuzione (UE) 2019/947 , invece, dovrebbe essere applicabile - anche nell'UE - solo a partire dal 1° luglio 2020.

A causa di Corona, tuttavia, alcuni Stati membri hanno chiesto che l'applicabilità del Regolamento (UE) 2019/947 venga posticipata di sei mesi. L'UE ha ottemperato a questa richiesta e ha fissato il periodo di applicazione al 31 dicembre 2020 nel regolamento (UE) 2020/746 (che si può vedere anche nel titolo di questo regolamento).

La Svizzera aveva previsto di adottare il nuovo regolamento UE anche il 1° luglio 2020 e l'UFAC aveva già preparato i passi necessari. L'adozione del diritto comunitario, alcuni dei quali non ancora applicabili, avrebbe portato a lacune nella regolamentazione a causa dei necessari adeguamenti giuridici e del coordinamento con la legislazione nazionale. Per questo motivo l'UFAC ha deciso di interrompere gli sforzi nazionali per l'adozione della nuova legge UE dopo che l'UE ha comunicato la sua decisione. Ora, invece, sta anche lavorando per l'adozione del diritto comunitario entro l'inizio del 2021.

Le informazioni pubblicate sotto la rubrica "nuovo regolamento droni" sul sito web dell'UFAC riguardano effettivamente il prossimo regolamento. Poiché a questo proposito si pongono molte domande e l'UFAC desidera informare tempestivamente l'opinione pubblica in merito alle nuove disposizioni, numerose informazioni utili in merito alla nuova regolamentazione dell'UE si possono trovare in questa sede e nelle relative FAQ. Le altre sottopagine forniscono informazioni sulle normative ancora in vigore (comprese le informazioni sui permessi o un link alla "drone card"). L'UFAC presenterà a breve anche una versione completamente rivista del suo sito web, che presenterà le informazioni in modo più chiaro e conforme alle esigenze dei rispettivi operatori.

Il nuovo regolamento prevede la registrazione dei piloti, la formazione online e i test online per la maggior parte delle applicazioni della categoria aperta. La legislazione svizzera non prevede attualmente l'obbligo di addestrare i piloti di droni. Il completamento dei corsi e dei test è stato finora basato sulla partecipazione volontaria dei rispettivi piloti (questo include la nostra associazione interna di registrazione dei droni, l'addestramento UN e DUE e la licenza di pilota. Con l'adozione del regolamento UE, la Svizzera deve poter dimostrare una soluzione di formazione che comprenda una formazione online e un esame online. Purtroppo, i corsi e i certificati già acquisiti volontariamente non possono essere riconosciuti in linea di principio durante il passaggio al nuovo sistema. Tuttavia, nella soluzione futura si farà attenzione a garantire che sia il più conveniente possibile per la categoria aperta e che non sia dispendioso in termini di tempo.

Il Consiglio d'amministrazione ha deciso di proseguire la registrazione interna delle minacce, la formazione UN e DUE e la licenza pilota interna UN e DUE in aggiunta ai requisiti dell'UFAC secondo la strategia SVZD 2021.

Questo nel senso di una differenziazione per quanto riguarda la qualità e la gestione del rischio, nonché la restituzione di un drone perduto al suo proprietario. La formazione e gli esami UNO e DUE sono corsi di formazione supplementare e sono richiesti anche per varie applicazioni professionali come le missioni REDOG.

Per ulteriori domande, si prega di contattare direttamente e personalmente il consiglio di amministrazione. 

Il Consiglio fornisce informazioni sul nostro sito web alla voce "Notizie", dove aggiorniamo sempre lo stato attuale secondo le informazioni BAZL.

Molte grazie.

Cordiali saluti

Martin
Presidente

Indietro
Carta dell'Ufficio federale dell'aviazione civile

Dove posso volare ovunque?

L'Ufficio federale dell'aviazione civile vi mostra le zone con restrizioni per gli aeromodelli ed i droni e la carta aeronautica ufficiale della Svizzera.